Resta in contatto

News

Antonio Filippini: “Il Brescia lotterà fino alla fine per la Serie A”

L’ex allenatore della Pro Sesto ha rilasciato un’intervista in cui ha analizzato tutto il campionato cadetto

Intervistato da PianetaSerieB, Antonio Filippini ha fatto il punto sulla Serie B fermandosi ovviamente con maggiore attenzione sul Brescia, squadra alla quale è da sempre particolarmente legato. Queste le sue parole sulle Rondinelle: “A prescindere dalla sconfitta contro il Como, credo che il Brescia stia facendo un ottimo campionato. E’ un passo falso probabilmente inaspettato, ma che ci può stare dopo il pari di Frosinone e il successo in rimonta di Ascoli. Il club ha avviato un percorso ripartendo da un tecnico e da molti calciatori nuovi, ma l’amalgama giusta c’è già e si vede. Bisogna solo trovare il giusto equilibrio di squadra e tra i giocatori ma, ripeto, tutto lascia presagire che la strada intrapresa sia quella giusta e sono sicuro che questo gruppo lotterà fino alla fine per andare in Serie A”.

Poi Filippini ha aggiunto anche una battuta sulla mentalità di Inzaghi: “Sicuramente se fai tanti goal, significa che hai un attacco molto attrezzato che ti può far fare la differenza in positivo, però sappiamo bene come, specie in un torneo complesso come la Serie B, avere una delle miglior difese sia il viatico principale per ottenere i risultati e raggiungere gli obiettivi prefissati, perché non sempre è facile riprendere l’avversario o rimontare partite che si mettono male. Sistemare la fase di non possesso in casa Brescia è quindi la prerogativa principale al momento per Inzaghi, e sarà sicuramente importante per diminuire l’entità dei goal incassati in vista del prosieguo del torneo, visto che con il passare delle partite il margine di errore concesso sarà sempre minore”.

Infine ha concluso analizzando la scelta di molte società di affidarsi, soprattutto in Serie B, a tecnici giovani come Zanetti e Italiano: “Questo cambio generazionale ci sta ed è fisiologico, un po’ come avviene in tutti i settori lavorativi alla fine. Anche perché molti allenatori sono ormai un po’ avanti con l’età, e quindi i tecnici emergenti si propongono ora anche in Serie B, sfruttando questa sorta di rivoluzione a cui facevi riferimento e alla quale stiamo assistendo negli ultimi anni. Su chi mi ha colpito in particolare, non voglio dare una risposta secca perché sono tutti allenatori preparati e che hanno dimostrato il proprio valore anche in Serie C o in altri contesti, quindi non sarebbe giusto citarne solo uno in particolare. Secondo me però, dopo tanti anni, la Cremonese sta facendo finalmente bene e, probabilmente, ha trovato l’allenatore giusto per mentalità e gioco. Nelle ultime stagioni ha speso tanto puntando in alto, ma i grigiorossi si sono quasi sempre salvati solo nelle ultime giornate. Ora, invece, sembrerebbe che l’andazzo sia completamente diverso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News