Resta in contatto

News

Altobelli: “Cellino spieghi cosa è successo negli ultimi mesi”

L’ex giocatore del Brescia Alessandro Altobelli è stato intervistato dal Bresciaoggi e ha parlato del momento delle Rondinelle

Ha indossato la maglia del Brescia ed è stato campione del mondo con l’Italia nel 1982. Alessandro Altobelli ha rilasciato un’intervista al Bresciaoggi nella quale parla della situazione attuale dei biancoblù e dice a Cellino di spiegare l’improvviso cambio di rotta.

COME SPIEGA IL MOMENTO.Faccio un passo indietro. Dopo la retrocessione il presidente Cellino aveva detto che avrebbe tenuto tutti i più forti perché voleva tornare subito in Serie A“.

SOLO TONALI VIA IN ESTATE.E infatti va dato atto a Cellino di aver mantenuto la promessa fino alla cessione di Torregrossa e Sabelli. Fino a lì ho apprezzato la sua forza, lo confesso. Evidentemente poi è successo qualcosa che lo ha portato a cambiare idea soprattutto a non mantenere quello che aveva promesso“.

DA COSA E’ DIPESO.Non lo so, davvero. Ma questo ovviamente ha influito su tutto, attaccanti compresi. Donnarumma e Torregrossa erano una coppia formidabile, due attaccanti unici per la Serie B. Con loro due il Brescia era tranquillo. Vedendolo ora dico che Donnarumma ha bisogno di ritrovarsi e di tornare quello di due anni fa. In questa stagione ha fatto poche presenze e pochi gol. Non è da lui. E’ un goleador nato e ha bisogno di fiducia così come lui deve averne in se stesso”.

SU AYE’.In Serie A non è riuscito a dare nulla in termini di gol. Ora però sta facendo bene, forse ha trovato quella fiducia che prima non aveva. Di recente le buone prestazioni non sono mancate. Mi auguro solo che abbia trovato gli stimoli giusti e la sua vera identità. Può di certo dare un contributo rilevante, anche se ora l’obiettivo del Brescia non è più quello di prima“.

NINKOVIC E PANDOLFI.Di solito al mercato di gennaio non si fanno mai grandi affari. So che potrebbero addirittura andarsene. Se così fosse, dopo soli quindici giorni dal loro arrivo, significherebbe aver sbagliato valutazione“.

ERRORE DI CELLINO O PERINETTI.Non so perché Cellino, che un dirigente esperto, che conosce i giocatori e la categoria, abbia scelto di prenderli. Non so in che condizioni stia lavorando Perinetti. Non so se ha fatto delle scelte sui giocatori. E’ nel calcio da una vita, conosce tutto. Vorrei un’intervista di Cellino a cuore aperto in cui spiegasse, rispondendo alle domande di voi giornalisti bresciani, tutto quello che è successo negli ultimi mesi. Sarei molto curioso di ascoltarlo perché da fuori, purtroppo, molte cose non le capisco più“.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News