Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Previtali: “Abbiamo perso per strada qualche punto di troppo”

La centrocampista classe ’86 milita nel Brescia Femminile da due stagioni con un bottino di 5 reti

Tra i volti storici del Brescia femminile c’è Karin Previtali, centrocampista approdata a Brescia dopo le esperienze a Como e Rovato. Ci ha raccontato in esclusiva il suo primo approccio al mondo del calcio e la successiva scalata fino ad arrivare al campionato di B con il Brescia.

A che età ha iniziato a giocare a calcio? “Ufficialmente gioco a calcio da quando avevo 9 anni. Ho iniziato nella squadra maschile del mio paese e quindi sono ben 25 anni che gioco. In realtà da sempre, visto che andavo al campetto vicino a casa a giocare con i ragazzini del mio vicinato.”

È soddisfatta della sua stagione finora? “Diciamo non del tutto soddisfatta in quanto penso che per la squadra che siamo avremmo potuto avere qualche punto in più, ma siamo appena salite in questa categoria e quindi diciamo che la strada è quella giusta per crescere di partita in partita.”

Il cambio di allenatore ha portato tre punti contro il Chievo; come è stato metabolizzato del gruppo l’esonero di Bragantini? “Aver cambiato il mister è dispiaciuto a tutti e un cambiamento è sempre difficile da metabolizzare: sì può prendere con entusiasmo o male, ma ci vuole il suo tempo. Sappiamo comunque che un esonero è sempre una sconfitta però forse serviva una scossa, un cambiamento mentale, che è arrivato. Al di là del cambio di panchina noi ragazze ci siamo guardate negli occhi, non avevamo tutto il tempo da “perdere” che un cambiamento necessita per essere assimilato e abbiamo capito che dovevamo far e dare di più e questo ha portato ai tre punti tanto attesi contro il Verona.”

A livello di squadra dove vi siete prefissati di arrivare? E a livello personale? “La società, in quanto appena salita in questa categoria, punta alla salvezza il prima possibile e da lì una volta raggiunta ci si può impegnare per far sempre meglio. I miei obiettivi personali vanno di pari passo con quelli della squadra a cui spero sempre di poter dare il mio miglior contributo.”

Nel modo di stare in campo si ispira a qualche giocatrice o giocatore in particolare? “Non mi ispiro a nessun giocatore/giocatrice in particolare. Credo però che si possa sempre assorbire il meglio da ogni compagna che si ha di fianco e con cui si vive ogni sera la settimana. Di certo vorrei poter “rubare” una caratteristica e pregio a ogni singola mia compagnia. Ritengo la mia squadra un gran bel mix di ragazze con talenti ognuno diversi dall’altra e che messi insieme possano fare grandi cose.”

Come si divide la sua vita fuori dal calcio giocato? “Fuori dal campo verde, sono una persona tranquilla che ama le cose semplici. Lavoro come impiegata in una ditta multinazionale e quindi mi divido tra casa, lavoro, calcio, amicizia e famiglia.”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a BRESCIA su Sì!Happy

Altro da Esclusive