Resta in contatto

News

Perinetti: “Non avrei azzardato l’operazione Balotelli”

perinetti

Il direttore sportivo del Brescia ha indicato la sua favorita numero uno per il titolo, soffermandosi poi sul grande ex delle Rondinelle

Il Monza è favorito d’obbligo, però, logicamente ci sono tane squadre attrezzate. Quest’anno la Serie B, tra Lecce, Empoli, Monza, la Spal e noi del Brescia, nonostante siamo attualmente in ritardo, sono moltissime le squadre che sono veramente molto forti e ambiziose”. Parole e musica di Giorgio Perinetti, che ai colleghi di MediaGol ha voluto porre l’accento sull’alta competitività del campionato cadetto di quest’anno.

BALOTELLI. A proposito di Monza, il direttore sportivo biancoblù ha avuto modo di formulare un giudizio su un ex che a Brescia non è riuscito a lasciare dolci ricordi, vale a dire Mario Balotelli: “Sulla scorta di quanto appreso qui a Brescia in relazione alla sua ultima esperienza con la maglia delle Rondinelle, io non avrei azzardato questa operazione. Ha detto bene Adriano Galliani, ritengo sia davvero l’ultimissima chance per Balotelli. L’ultima chiamata, se vuole giocare ancora a calcio ad alti livelli Mario deve assolutamente rispondere, poi vedremo cosa farà. Lui è un talento, però sappiamo che il talento deve necessariamente essere assecondato, nel calcio di oggi che è molto tattico e richiede tanta applicazione mentale,  da tantissimo lavoro fisico e altrettanto sacrificio. Anche anche da parte degli attaccanti, perché la fase di non possesso comincia dalla difesa e termina con le due punte, se Balotelli non si applica in questo senso farà fatica anche lui. Se invece, si prepara mentalmente a cercare di predisporsi nel migliore dei modi, le sue qualità sono così eccezionali che sarà certamente decisivo. Diversamente sarà un comprimario: perché senza lavoro, senza sacrificio, senza impegno, neanche il talento può imporsi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News