Tifo Brescia
Sito appartenente al Network

Brescia e Santo Stefano, un ritorno recente

Sono due le gare recenti giocate dal Brescia in quello che in Gran Bretagna è il tradizionale “Boxing Day” ma la prima volta nei campionati a girone unico risale al 1948

Il calcio durante le vacanze natalizie è un ritorno relativamente recente in Italia, al contrario di altri campionati (come quello inglese) dove il 26 dicembre in campo è una tradizione mai interrotta. Le prime sfide durante le festività da quando esistono i campionati a girone unico (1929-30) hanno visto spesso impegnato il Brescia, ma quasi sempre fuori da Santo Stefano, almeno fino alla sfida del 1948-49 con l’Empoli, mentre sono due i precedenti recenti di campionato del Brescia in questa data.

NEL NOVECENTO. Prima della nascita della A a girone unico il Brescia affronta, nel 1926-27, la Pro Vercelli dei sette scudetti (3-1 per i piemontesi). Poi, come detto, la prima sfida in A è nel secondo dopoguerra: un 1-0 con l’Empoli firmato Cozzolini che è anche il primo precedente coi toscani. Si replica un anno dopo a Vicenza (0-0), entrambe le volte in B. Nel 1954 il Brescia supera il Modena per 2-0, ed è l’ultima partita in quella data allo Stadium di Viale Piave. Bisogna attendere il 1965 per la prima al Rigamonti, un giorno epico che resterà per quasi 50 anni l’ultimo Santo Stefano in campo: 4-0 alla Juventus nella stagione che finirà con il miglior piazzamento in A fino ad allora. Segnano Bianchi, Manfredini, il tedesco Brulls e Salvi. Negli anni Settanta e Ottanta pian piano i calendari si trasformano e si gioca sempre meno durante le festività natalizie (e il Brescia non viene mai impegnato il 26), fino ad arrivare alla pausa invernale – in genere di due settimane – che caratterizza gli anni Novanta e Duemila.

IL NUOVO MILLENNIO. La B per anni non riprende le partite “natalizie”, nemmeno nell’anno delle 24 squadre (2003-04). Fino al 2013, quando – saltato il Boxing Day per nebbia (a Varese) un anno prima – il Brescia si presenta a Castellammare di Stabia reduce da un doppio cambio di allenatore (Bergodi è subentrato a Giampaolo e al breve interim di Maifredi) ma in ripresa. Contro le Vespe, che a fine anno retrocederanno nella Lega Pro unica, finisce 1-2: per le Rondinelle segnano Benali e Caracciolo, ai rivali non basta il gol di Di Carmine.

DERBY ALLO SCADERE. Più nitido il ricordo di Brescia-Cremonese di due anni fa, in piena rimonta promozione. I grigiorossi sono agguerriti e rimontano con Piccolo (doppietta) il doppio vantaggio di Spalek e Bisoli, ma proprio al 90′ Ndoj indovina l’angolo in spaccata sotto la Nord. Un 3-2 che significa ingresso, per la prima volta in quel 2018-19, nella zona promozione diretta.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Così cantavano gli 883 in una celebre canzone: Genova per il Brescia è magico, con...
Il pareggio rimediato in pieno recupero ha alzato alcuni voti, ma per voi tifosi non...
La rubrica che vi permette di assegnare i voti ai giocatori del Brescia...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si è chiusa la finestra invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1 febbraio...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...

Tifo Brescia