Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Di Carlo: “Dovremo essere bravi a non concedere spazi”

Anche il tecnico del Vicenza ha parlato in conferenza stampa

Domenico Di Carlo, allenatore del Vicenza, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dello scontro diretto con il Brescia. Ecco un estratto delle sue parole pubblicate sul sito ufficiale del LR Vicenza.

ERRORI DA CORREGGERE“Sotto l’aspetto del gruppo, della coesione e dell’unione è una risposta che ci ha portato i tre punti. Perché la squadra ci ha creduto fino alla fine, sono arrivati i tre punti in un partita, ripeto, difficile: dove abbiamo giocato bene il primo quarto d’ora e l’ultimo quarto d’ora. Mentre tutta la seconda fase del primo tempo e l’inizio del secondo tempo la squadra è stata un po’ più bassa. Venivamo da tre sconfitte e la risposta alle tre sconfitte è stata una vittoria fondamentale. Qualche volta ci sono delle letture che non sono perfette. Alcune volte ti va bene, qualche altra gli avversari ne approfittano. In una lettura di una palla lunga non siamo stati bravi, ma questo, senza colpevolizzare nessuno, succede. Quello che conta è “il dopo” e a me è piaciuto che dopo aver preso gol, abbiamo creato tre occasioni da rete e abbiamo trovato il gol della vittoria. Quindi mi soffermo più sulla capacità di reazione che abbiamo avuto e sulla voglia di portare a casa il risultato”.

BRESCIA“Due giorni sono sufficienti se domani portiamo a casa il risultato. Nessun alibi, nessun dire “noi abbiamo bisogno di tempo”, perché per gli altri è uguale. Quando sei vicino all’obiettivo, puoi anche non allenarti, devi arrivarci con la testa e devi arrivarci con i cuore. Quindi bisogna usare la testa e il cuore. Sappiamo che il Brescia è una squadra tecnica, sappiamo che attacca molto la profondità, sappiamo che concedono anche l’1 contro 1 in difesa, dove noi possiamo fare loro del male e noi abbiamo preparato la partita nel migliore dei modi, perché per affrontare questa squadra, dobbiamo essere bravi a leggere la partita. La lettura della gara domani è fondamentale. Perché con certi giocatori che hanno davanti come Ayè, Donnarumma e Ragusa, occorre avere sempre massima concentrazione”.

IL CAMPIONATO“La Serie B è imprevedibile, nella scorsa giornata la salvezza sembrava quasi scontata sui 40-41 punti e ora si è alzata a 45-46, forse anche 47. Questo è la bellezza della Serie B. Se chi ha 44-45 e fa tre vittorie, qualora davanti rallentassero avrebbe la possibilità di centrare i playoff”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a BRESCIA su Sì!Happy

Altro da L'angolo dell'avversario